Impianti di rifasamento

Impianti di rifasamento

Impianti di rifasamento
Gli apparecchi elettrici assorbono dalla rete di alimentazione una certa quantità di corrente: il prodotto di tale corrente per la tensione applicata si chiama potenza apparente ed è in base a questa potenza che gli impianti elettrici devono essere dimensionati.

Ma la potenza che assorbe l’apparecchio e che è in grado di fornire all’esterno sotto forma di lavoro o di calore è normalmente minore della potenza apparente e si chiama potenza attiva: il rapporto tra la potenza attiva e quella apparente è lo sfasamento esistente tra la corrente e la tensione.

La maggior parte degli utilizzatori presenta un basso fattore di potenza e richiede dalla linea più potenza apparente e quindi più corrente di quanta ne richiederebbe con un maggiore. Per questo motivo le normative vigenti e considerazioni di ordine tecnico impongono di utilizzare l’energia elettrica con un fattore di potenza non inferiore a 0,9. Una situazione di questo tipo la si può ottenere inserendo nell’impianto delle batterie di condensatori e operando il cosiddetto rifasamento.

Due sono i vantaggi che fondamentalmente possono derivare dagli impianti di rifasamento: mancata penale che l’ente distributore solitamente pratica a chi utilizza energia elettrica con un fattore di potenza medio mensile inferiore a 0,9 e migliore utilizzazione degli impianti.

Gli impianti di rifasamento consentono quindi sia il risparmio energetico sia il risparmio sull’usura dei macchinari e degli strumenti di lavoro.

La nostra azienda si occupa della realizzazione e della gestione di impianti di rifasamento sia per corrente monofase che per impianti trifasi.

Contattaci per un preventivo personalizzato.

back to top